A morte i buoni sentimenti

Babbo Natale morto

Una persona si allontana dalla propria casa, con moglie incinta, per potere andare ad espletare la burocrazia del censimento. Nel frattempo nasce un bambino.

La domanda è la seguente perché lo ricordiamo dopo 2010 anni? che portata può avere un fatto così irrilevante sulla nostra vita?

E poi lo ricordiamo con Babbo Natale, i regali, un albero con fili elettrici sopra… addirittura si arriva a ricrearne in piccolo l’avvenimento ogni anno ‘sto presepe manco fosse il plastico di Cogne da Vespa!

A Natale bisogna essere tutti più buoni. …perchè? chi lo ha mai detto? datemi le ragioni di un tale moralismo!

Se mi date delle ragioni io accetto.

…inoltre…

Visto che il sottoscritto è certo che 2010 anni fa Dio ha deciso carnalmente di unirsi “alla” storia e “nella” storia, più ne faccio memoria e più il sottoscritto schifa tutti coloro che gli ricordano che è Natale e che bisogna essere moralmente buoni e sentimentalmente positivi e carini.

La mia risposta a questi bigotti, moralisti, superficiali (bigotti nella ideologizzazione del giudizio, moralisti nell’attuare mediante l’uso del proprio comportamento il criterio di giudizio, superficiali nel vivere il fatto cristiano come qualcosa di già saputo) è la seguente: a morte i buoni sentimenti!

P.S.: tra l’altro il fatto del quale son certo che sia accaduto è avvenuto qui.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...